Chi sarà con voi

Sono Mattia, fotografo torinese e accompagnatore turistico. Da sempre la curiosità mi ha spinto a visitare posti vicini e lontani. Grazie al mio lavoro, ho avuto modo di vedere le situazioni da prospettive altre e di vivere esperienze al limite dell’immaginazione.

Ho fatto capolino in Asia la prima volta nel 2008, il mio primo incontro era stato con Singapore e poi su, in Malesia, Cambogia, Vietnam e Laos. Quel viaggio che doveva durare pochi mesi, si è trasformato poi in un’avventura di tre anni in Cina.

Nella “Terra di Mezzo” ho avuto il privilegio di lavorare come fotografo per riviste locali, viaggiare in lungo e in largo molte delle 33 provincie, imparare la lingua e addentrarmi tra alcune delle svariate etnie che costellano il paese e tutto il continente asiatico.  

Da quel momento l’Asia è stata una delle mie mete predilette, il rivedere i posti, le persone, l’instaurare rapporti e lavorare per alcune associazioni locali, mi hanno portato a grattare la superficie di paesi dalla storia millenaria.

Per quanto leggère, viaggiando lasciamo delle impronte. Ho sempre pensato che il viaggiare porti con se alcune responsabilità verso chi andiamo a incontrare lungo il cammino. Da qui, l’idea di creare dei percorsi su itinerari meno battuti e con un taglio più incentrato sulla storia passata e quella presente per regalarci un po’ più di consapevolezza.

Rispetto ad altri continenti, l’Asia è considerata dalla maggioranza dei viaggiatori un posto facile da girare. Negli anni ho avuto modo di esperire anche situazioni difficili e spaventevoli, ma non posso dire di non trovarmi d’accordo con questa affermazione.

Il Sud-Est asiatico in particolare, con i suoi promufi, colori e sorrisi, regala un’esperienza unica a chi lo scopre per la prima volta e a chi continua a ritornarci. Poi c’è chi in Asia ci è arrivato e non ha più voluto tornare, ma queste sono altre storie.

Spedizioni Pop è un modo per conoscere i vari paesi dell’Asia sotto punti di vista normalmente tralasciati dal turismo di massa, senza però saltare i “must see” di ciascun paese.

In Cambogia, dopo aver visitato i magnifici Templi di Angkor, ci addentreremo nel nord fino a raggiungere la foresta pluviale del Virachey National Park al confine con il Vietnam dove dormiremo nella giungla insieme ad una guida locale. Prenderemo chiatte e faremo escursioni sulle rive del Mekong vicino a Kratié. Conosceremo la storia delle civiltà passate, fino alle più tristi vicende che hanno colpito il Paese negli utlimi quarant’anni.

In Cina andremo alla scoperta dello Yunnan, una delle provincie più caratteristiche del sud del paese, conosceremo diverse etnie, visiteremo foreste di pietra e una delle piantagioni di te più rinomate al mondo, fino ad arrivare al confine con il Myanmar. 

Cambogia

Cambogia

0 (Nessuna recensione)

Ciao! Vuoi rimanere in contatto con noi e scoprire tutte le novità?  Iscriviti alla Newsletter ❤️